L’invidia del posto

Lo scorso mese torno da Milano con il treno delle 18.35, il diretto per Udine. Mentre sono sul marciapiede mi si mettono davanti, nonostante sia sulla linea gialla, un gruppo di ragazzi. Uno strano fenomeno porta le persone a pensare che il posto dove ho i piedi io, sia il migliore per prendere il treno, l’autobus o la metropolitana, per aspettare gli amici, recuperare i bagagli, ecc.  Trovare i posti migliori è una delle mie qualità, oltre a quella di entrare in un posto vuoto (bar, negozio, ristorante, ecc.) e riempirlo di gente, o di attirare gli animali, i bambini e i casi umani, o di trovare le cose che gli altri hanno perso, o di dormire. L’ultima mi viene particolarmente bene. Comunque, una del gruppo ignora che la Sprite, se la agiti e poi la apri, schizza ovunque. Per lei, una novità. Non ho capito se per lei fosse trasgressivo  bere una bibita gassata o se fino a quel momento qualcuno avesse aperto le lattine al posto suo. In ogni caso, lo rifacesse sarebbe ufficialmente scema. Tuttavia, uno è libero di essere felice tutto bagnato e apiccicaticcio. Son gusti personali.

Salgo e trovo il mio posto. Giusto in tempo per sentire che: “Si informa la clientela che per questioni organizzative la vettura numero otto è chiusa. Ci scusiamo per il disagio.“. Ah. Ottimo. E dove li mettiamo questi passeggeri, che han vinto alla lotteria? In cabina con il macchinista? No, li sparpagliamo nel treno. Mi sembra giusto. Ma vuoi far le cose facili, che poi magari la gente si abitua a un servizio di qualche tipo? Meno dai e meno la gente pretende. Più che una massima, è un dogma  per l’azienda. Infatti, il controllore, invece di recarsi nella carrozza e riassegnare i posti, decide che sia più comodo far vagare i passeggeri, con tanto di valigie, alla sua ricerca. Voi direte: “La carrozza era chiusa! Non potevano stare là.“. Giusto. Passare un annuncio tipo: “I passeggeri con il posto prenotato nella carrrozza 8, sono pregati di recarsi nella carrozza 7 o 6, nella quale verrà loro riassegnato un posto all’interno del treno.“, è chiedere troppo? La gente non sapeva cosa fare e chiedeva a chi ne sapeva meno di loro. Una caccia al tesoro con l’handicap e, soprattutto, senza tesoro. Altro che Pokémon Go! Scarica anche tu la nuova App “Trenitalia Stay!”: inizia la caccia e cerca di catturare un posto selvaggio! Se riesci ad arrivare a destinazione senza sederti sulla tazza del cesso, puoi ringraziare la Madonna!

Mentre mi chiedo perchè questo treno sia sempre in ritardo di almeno 15-20 minuti – saro’ mica fortunata io a beccare ogni volta qualche problema?! – sento la voce di una che non vuole sedersi al suo posto. Una che si lamenta c’è in ogni viaggio. Fateci caso. Viaggia con altre tre persone (ne riparleremo, ma per ora sappiate che sono due adolescenti e un’amica della signora), che si accomodano ai loro posti, senza fiatare. Il suo posto è lato corridoio, nel senso contrario di marcia. Continua a ripetere, ad alta voce: “Io voglio stare nel senso di marcia! Mi viene da vomitare, altrimenti! Non voglio stare su questo posto! Voglio stare vicino al finestrino!“. Mi aspetto che si rotoli per terra, si metta a piangere e che il controllore le offra un ciuccio per calmarla. Spero intinto nell’arsenico, ma capisco che sia chiedere troppo. Lasciatemi sognare. Io, ovviamente, sono vicino al finestrino. Mi guarda. Guarda, tesoro, se cerchi comprensione  e solidarietà, sappi che per me puoi vomitare come ne L’esorcista. Vista la stagione, propongo di sostituire la zuppa di piselli con il gaspacho. Poi vedi tu. Ora, se lo chiedi con gentilezza è una cosa, se lo pretendi, allora ne faccio una questione di principio. E anche di fine. La tua. Sfortunatamente il messaggio non è per me, ma per una ragazza, la quale ha la sola colpa di occupare il quarto posto che la rompiballe pretende sia suo. La ragazza si alza e le cede il posto. Suppongo per disperazione.

Ad un certo punto un cane guaisce (era là da Milano e siamo quasi a Peschiera del Garda) e, sempre la stessa: “Ma c’è un cane?? Io sono ALLERGICA ai cani! Mi vengono delle crisi tremende!!” Non ci illuda, signora; non ci illuda. Comunque all’allergia credo poco perchè per due ore buone non se n’è manco accorta. Allergia da contatto visivo? Una novità. Va avanti per un dieci minuti buoni a dire che i cani non dovrebbero salire, che causano disturbo, sporco, malattie, ecc. Fortunatamente quelli del cane scendono. Suppongo per disperazione. Pure loro.

Considerazione preliminare: se vuoi viaggiare come vuoi tu e ti danno fastidio tutti gli altri essere viventi, hai due possibilità: o ti prendi la macchina o ti compri tutto il vagone. In ogni caso, non rompi i co**ioni al prossimo!

[to be continued]

Annunci