# 5 cose che non sai di me

Sono stata nominata da Pigra…aspirante runner, blog che seguo da poco, per continuare un giochino simpatico. Intanto ringrazio per la nomina perchè, per una volta, qualcuno si è accorto che esisto. L’Agenzia delle Entrate non conta. Ecco allora 5 cose che tu, avido lettore del mio blog, non sai di me (come da titolo):

  1. Colleziono fumetti. Mi sono data una calmata. Ho una stanza intera piena di librerie, a loro volta ripiene di albi; scatolini e scatoloni si nascondono nel garage dei miei genitori; altri scatoloni infestano la mia casa su ripiani, mobili del bagno e del terrazzo, ecc. Ne ho anche prestati molti e vivo nel terrore che a qualcuno venga in mente di restituirmeli. Dovrei dormire sul pianerotto, abbracciata all’ennesimo scatolone.
  2. Mangio qualunque cosa tranne due piatti: la pasta con il ragù e il pollo in umido. C’è un motivo. La “cuoca” dell’asilo cucinava solo queste due cose, alternate a pasta in bianco e cotoletta panata. Le prime due cose facevano talmente schifo che noi, bambini affamati dal mattino perchè la merenda si faceva solo al pomeriggio, le buttavamo e nascondevamo ovunque. Penso che, ristrutturando, abbiano trovato ali e cosce di pollo mummificate anche nell’intercapedine dei muri o sotto le piastrelle.
  3. Dal 1 dicembre al 31 gennaio indosso solo ed esclusivamente mutande a tema natalizio (come quelle di Primark nella foto).Résultat de recherche d'images pour "primark panties christmas" Me le cambio, eh?! Non son sempre le stesse. Ho insomma una collezione di intimo natalizio.
  4. Detesto andare dalla parrucchiera o dall’estetista. Sì, beh, per voi è una novità. Quelli che mi conoscono personalmente lo sospettavano da un bel pezzo.
  5. Mentre guido impreco come un camionista. A ben guardare guido anche come un camionista. Avendo una Panda, è frustrante.

Nomino, se han voglia e tempo, 5 blogger(s), che sono gli ultimi che hanno interagito con me:

FarOValeblog

LavoroEsaurito

Miss Precisetti

Pigropanda

VeraFrasca

Perchè così pochi? Vi lascio indovinare.

Annunci

Elezioni 2018

MESSAGGIO ELETTORALE

Vista la situazione politica italiana, ho deciso di scendere dal passeggino e di entrare in politica. Firmo quindi con voi un Patto* e prometto su Ca(gnot)to il cane e (Vini)cio il cunicio [coniglio per quelli fuori Regione] di realizzare TUTTI i punti del mio progamma.

* La firma la fa la mamma, ché io non so scrivere.

Programma elettorale:

  1. Difesa: creazione di un reparto militare speciale per trovare Babbo Natale e farsi consegnare tutti i regali; stanziamenti per l’acquisto di soldatini, carri armati, areoplanini, ecc.; creazione delle Olimpiadi del Risiko; lotta alla truffa degli elettrodomestici mascherati da giocattoli (non funzionano, bastardi!); costruzione di bunker sotterranei in cui scienziati governativi creeranno robot giganti capaci di fermare anche un’invasione aliena oppure cuccioli coccolosi automuniti e comandati da un certo Ryder oppure chiameranno Batman e via; riabilitazione dei Comunisti, che mangiano i bambini (!!!), per convincerli a mangiarsi il Rolex; no al terrorismo: caccia senza quartiere al Babau;
  2. Sanità: abolizione delle supposte, del termometro rettale e del sondino [che problemi avete con il sederino dei bambini che ci dovete SEMPRE infilare delle cose??]; no alle punture, anche di zanzara, e sì alla pillola con un poco di zucchero (brevetto Glaxo & Poppins®); stetoscopi riscaldati in tutti gli ambulatori; assunzioni di medici direttamente dalla Scuola Superiore di Medicina e Chirurgia della Dottoressa Peluche; detrazione fiscale del bacino sulla bua;
  3. Ecologia: incentivi per tricicli e biciclette EURODISNEY 7; agevolazioni per le poppate a km 0; produzione di energia pulita al 100% sfruttando l’energia cinetica delle giostrine nei parchi giochi (sfruttamento infantile? Non cedo a queste provocazioni);
  4. Economia: diminuire le tasse per tutti (lo dicono tutti e mi adeguo); fondi illimitati alle Banche del Latte Materno; uscire dalla zona UE ed entrare nella zona TA-TA o LA-LA; condono edilizio per tutti i box costruiti dal 2015 in poi; bonus prima piscina (anche riempita di palline. Bazinga!); eliminazione dell’IMU dalla casa sull’albero;
  5. Innovazione: prese più grandi per infilarci meglio le dita; una luce sempre accesa di notte in tutte le camerette; spray anti-mostro e polvere anti-cattivone venduti in tutti i supermercati; soluzione dell’annoso problema della sabbia nel pannolino; vasini più comodi e autopulenti; fango e pozzanghere in ogni giardino;
  6. Famiglia e politiche sociali: Sì alla politica del figlio UNICO e tasse triplicate per coloro che mettono al mondo un secondogenito che frigna, rompe tutto e ruba i giochi. [Non è una legge ad personam, come potrebbero dire quelli dell’opposizione]; più parcheggi riservati a passeggini e carrozzine; no ai matrimoni forzati tra dinosauri e principesse;
  7. Giustizia: abolizione della ciabatta e dello scappellotto materno e diritto ad un giusto processo; eliminazione delle scuse e delle strette di mano obbligatorie; carcere a vita per Guglielmo, che è manesco e gli puzza il sederino, e per quelli come lui; assoluzione con formula piena in caso di dichiarazione: “Ha cominciato lui!”; inasprimento delle pene per rottura e/o perdita, anche accidentale, del proprio giocattolo preferito;
  8. Costituzione: modifiche progressive alla Costituzione in modo da arrivare ad instaurare un Impero, in cui io sono Imperatore e voi non siete un…pannolino sporco!! Scherzo. Ampliamento del Senato in due seni distinti. Eliminazione della Camera a favore della Cameretta; eleggibilità dei neonati; creazione di Ministeri ad hoc con Ministri senza dentino o senza pannolino.

Mi dicono che dovevo fare meno punti, ma ho poco più di anno, secondo voi, so contare??

Insomma, tu elettore, il 4 marzo 2018 RICORDATI:

Per un’Italia che gattona verso il futuro, il 4 marzo vota Teniotto!!!

ATTENZIONE: Logo e simbolo sono di pura invenzione e nel caso assomigliassero a quello di qualche partito (non si sa mai), è puramente casuale. Io voterò, certo. Voterò Teniotto.

Vaso

Ieri leggo questo articolo: Stalker. Nella marea di gente che non capisce che NO significa NO e che rompe l’anima prima, dopo o durante una relazione [o pure senza relazione perchè è immaginaria], questa signora rappresenta un caso notevole. Ha creato un falso account sui social a nome dell’ex fidanzato, pubblicato le sue foto nudo e tentato di estorcergli del denaro. Vabbè. Ce ne sono mille di casi così. Giusto. L’originalità sta nel fatto che ha chiesto che lui le comprasse un vaso. Un vaso. UN VASO??? Estorci denaro a uno perchè ti compri un vaso?? Un vaso Ming (vi è partita la musichetta di Flash Gordon? Ognuno ha le sue croci.), come minimo! Un vaso etrusco o greco (quello che andava messo in salvo, magari. Ne ho già parlato: CU: call me maybe)! Il famoso pitale di D’Annunzio? Insomma, un vaso raro? No, un vaso da 800 euro. Che è una bella cifra – ci mancherebbe – ma vale una denuncia per estorsione? Direi di no. Comunque, per farmi un’idea di come fosse un vaso da 800 euro, l’ho cercato su eBay. Spero non fosse questo: vaso animalier. D’altra parte, figlia mia, prendi piuttosto questi due in granito: coppia di vasi! Almeno gli viene un’ernia quando te li porta!!*

* I vasi non sono miei e non conosco manco i proprietari, se qualcuno fosse interessato, sono davvero in vendita. Ecco, siccome ai blogger che fan pubblicità mandano la roba di cui han fatto lo spot, vorrei che fosse chiaro un messaggio fin da ora: NO VASI, SI DOLCI. Ma vedo che Herr Haribo da quell’orecchio non ci sente…

Mail, boxes & garage

Leggendo il giornale stamattina scopro che un postino non ha consegnato la posta per 8 anni: si veda link. Cosa ne ha fatto? L’ha conservata in garage. Ok. Qualcuno gli dica che la collezione di francobolli non si fa così. Comunque adesso pare che le Poste la smisteranno di nuovo, ‘sta montagna di corrispondenza, e la manderanno ai legittimi proprietari. Ora, care Poste Italiane, io mi farei due domande perchè in 8 ANNI [insisto e ribadisco: 8 ANNI], non ve ne siete accorti. Non è possibile che nessuno si sia lamentato e abbia protestato con almeno due bestemmie (è la regione, contestualizzo) allo sportello!! Ma non ci credo, dai! Io, che sono pigra al punto che esiste il detto: “Attaccarsi come S. al divano”, vi ho chiamato dopo due mesi perchè non ricevevo l’estratto conto. E dentro ci sono talmente tanti soldi che se al loro posto uso quelli del Monopoli, un caffè lo rimedio. Liscio. A parte questo, parliamo del dramma di questa gente che si vedrà recapitare:

– cartelle esattoriali e bollette del 2010 e degli anni seguenti. Utile. Soprattutto se nel mentre mi han tagliato luce, gas, telefono, acqua, ecc. Gente che vive da anni come un pipistrello in casa propria [a Batman la posta arrivava? Domandiamocelo.] o che è stata sfrattata senza apparente motivo. Ingiunzione di sfratto? Quale ingiunzione?

– pubblicità per le elezioni regionali del 2010 e seguenti. Parte il torneo di “ce l’ho, mi manca”? Trasformo i volantini con le facce sorridenti dei politici in poster? Mmmhmm, prevedo un incremento nella vendita di freccette. E gente molto più rilassata in giro.

– inviti ai matrimoni. Ora, porca miseria, al matrimonio di mia cugina Matilde non ci sono andata perchè manco l’invito mi aveva mandato e adesso mi tocca farle il regalo e chiedere PURE scusa!!

– pacchi. Ho capito come sono andate davvero le cose. Nei pacchi c’era del cibo, che con il tempo ha preso vita e, sfruttano la distrazione del Postino [magari mentre era al lavoro… Sì, vabbè.], è riuscito a scappare e a chiedere aiuto. Un minuto di silenzio per la scamorza, che invece  non ce l’ha fatta.

– pubblicità varia. Visto il Carnevale, finiranno tutte in coriandoli.

Il postino suppongo che lo licenzieranno e mi chiedo, con le sue capacità, chi lo assumerà. Forse la De Filippi a “C’è posta per te”? No, là lo beccano subito. La De Filippi: “Hai consegnato la lettera?”. Lui: “Sì, certo, ma purtroppo Asdrubala non ha accettato l’invito.” Parte il video: lui che va in giro in bicicletta ed entra nel suo garage.

Concorsone

Un anno e mezzo fa eravate 300: This is Sparta. Adesso mi siete raddoppiati. Un po’ come i capelli bianchi. I miei, dico. O davvero quello che scrivo vi piace oppure molti di voi mi han confuso con Chiara Ferragni. Capita: abbiamo gli stessi piedi. E, attualmente la stessa pancia. Insomma: stento a credere che mi lovviate davvero. Non mi avete neanche mai vista dal vivo! Ecco, forse questa potrebbe essere LA spiegazione. Comunque, ho deciso di farvi un regalo. Ve lo meritate.

Ho deciso di regalare ad alcuni di voi (si veda più sotto) una cosa altamente inutile e potenzialmente dannosa. Il mio libricino complimentoso in formato PDF [NON è in vendita. Usate i vostri soldi per qualcosa di utile! Tipo un ventilatore per raffreddare gli spaghetti. Ripeto: NON è in vendita. Sono per la circolazione gratuita delle stupidate. Le mie, almeno. Lo so, è controproducente. Se dicessi che è in edizione limitatissima a 500 euro la copia, avrei anch’io la fila come i negozi della Apple, ma poi dovrei parlare con la gente fingendo di essere competente. Non mi sento pronta.]. Eh, lo so, tocca stamparlo. A dirla tutta io ve lo volevo mandare in cartaceo, aggiungendo anche una maglietta con una frase complimentosa, ma pare che dovrei fare un vero concorso e mi servirebbe un commercialista. E quindi niente. Sono povera.
Per partecipare: basta inviarmi un messaggio privato sulla pagina Facebook con scritto: “VORREI IL LIBRO, per favore” oppure “MANDAMI IL LIBRO, per favore”. Ai primi 10 che mi scriveranno manderò il libro (in formato PDF). Primi 10? Ma chi prendo in giro?? 😉 Facciamo i primi 2 e mi tengo larga.
Unica condizione: vi prego di postare in bacheca la vostra foto con il premio (vedete voi come fare. Sorprendetemi.), per far capire che esistete davvero e non siete personaggi della mia fantasia. Va bene anche una foto in cui non siete riconoscibili. Capisco l’imbarazzo che potreste provare di fronte a parenti e conoscenti. Sono esclusi dal contest i miei parenti e amici. Oh, dai, voi ce l’avete già o non siete così amici. O siete troppo parenti.

I “vincitori” verranno contattati per i dettagli e i loro nomi verranno resi noti sulla pagina Facebook (sempre per il discorso che poi si pensa che siate come gli unicorni.). In seguito invierò il libro in tempi ragionevoli (considerate che mi devo estirpare dal divano, cercare il file giusto, trascrivere un indirizzo e inviare. Non è semplice per niente.).

Qualora non scrivesse nessuno? Avete ragione, è una CONCRETA possibilità. Nel caso me lo regalerò e farò anche una faccia sorpresa.

In bocca al lupo a tutti e che il complimento sia con tutti voi!!