Feste dei genitori

 

Vorrei capire perchè le reazioni per le due feste dei genitori siano così variegate. Mi spiego:

Primo caso, festa del papà.

Io: “Auguri, papà!”

Lui: “Ah, sì, grazie!”

Un uomo felice. Capace che ti dà la mancia perchè ti sei ricordata.

Secondo caso: festa della mamma.

Io, telefonando alle 8 del mattino: “Tanti auguri, mamma!”.

Lei: “Ah, ti sei ricordata, FINALMENTE!”

Inoltre, pur avendo assunto un team di botanici che ha creato un fiore che avrà il suo nome, pur portandole Ernst Knam in persona che le farà una statua in cioccolato a grandezza naturale e pur scrivendole un biglietto d’auguri che farebbe piangere anche la Signorina Rottenmeier di Heidi e Miss Minci di Lovely Sara, non sarà comunque contenta.

E papà ti darà una mancia comunque perchè ti vede depressa.

Annunci

Carnevale

Carnevale è finito?? Ma davvero?? No, no. Senza aver mangiato le frittelle di Tonolo (Pasticceria Tonolo), non c’è stato nessun Carnevale! Lo escludo categoricamente. Anche perchè non mi son neanche mascherata e ho sempre avuto un certo estro nella scelta del costume. Segue un elenco dei miei migliori outfit:

  1. campanellino (senza ali) o folletto verde (la creatura del Bosco, non la scopa elettrica). Lo portai per anni anche quando più che un folletto sembravo una cimice con il tutù. Da quel momento capii di dover puntare tutto sulla simpatia.
  2. corsara. Abito stupendo regalatoci da non ricordo chi, che potei portare solo un paio di volte. Poi ottenni l’effetto Spugna di Peter Pan.Résultat de recherche d'images pour "mr smee"
  3. sacchetto della spazzatura. Mettevo le mani avanti.
  4. messicano. Ho ancora il sombrero da qualche parte. Prima o poi mi torna utile.
  5. grappolo d’uva. Scomodo perchè non potevo muovermi, ma divertente per gli altri che mi scoppiavano tutti i palloncini.
  6. sonnambula. Con il piagiama e un cuscino. Economico.
  7. strega. Naso finto, cappello e via. Credibilissima.
  8. vestale. Momento storico.
  9. atlantidea. Momento Giacobbo.
  10. e, ovviamente, Donna Copertina.

Comunque per il prossimo anno ho queste opzioni: o mi vesto da glutine o da inibitore di frequenze per cellulari e wifi o da New World Order.* Voglio vedere la gente piangere.

* Perchè, diciamocelo, Carnevale è stato creato per manipolare le nostre menti fin da piccoli. Ad esempio: cosa c’è davvero dentro i coriandoli? Ci restano attaccati per settimane. Contengono forse dei microchip per spiarci? Se li lanci e poi unisci i puntini viene fuori l’ubicazione dell’Area 51? Perchè sono a cerchio e non a triangolo? Devono nascondere la loro origine massonica (tradita dal cerchio, che è fatto con il compasso)? Hanno sostanze allucinogene? Mio cugino ne ha leccato un mucchietto per strada e l’hanno internato. Un caso? Io non credo.

# 5 cose che non sai di me

Sono stata nominata da Pigra…aspirante runner, blog che seguo da poco, per continuare un giochino simpatico. Intanto ringrazio per la nomina perchè, per una volta, qualcuno si è accorto che esisto. L’Agenzia delle Entrate non conta. Ecco allora 5 cose che tu, avido lettore del mio blog, non sai di me (come da titolo):

  1. Colleziono fumetti. Mi sono data una calmata. Ho una stanza intera piena di librerie, a loro volta ripiene di albi; scatolini e scatoloni si nascondono nel garage dei miei genitori; altri scatoloni infestano la mia casa su ripiani, mobili del bagno e del terrazzo, ecc. Ne ho anche prestati molti e vivo nel terrore che a qualcuno venga in mente di restituirmeli. Dovrei dormire sul pianerotto, abbracciata all’ennesimo scatolone.
  2. Mangio qualunque cosa tranne due piatti: la pasta con il ragù e il pollo in umido. C’è un motivo. La “cuoca” dell’asilo cucinava solo queste due cose, alternate a pasta in bianco e cotoletta panata. Le prime due cose facevano talmente schifo che noi, bambini affamati dal mattino perchè la merenda si faceva solo al pomeriggio, le buttavamo e nascondevamo ovunque. Penso che, ristrutturando, abbiano trovato ali e cosce di pollo mummificate anche nell’intercapedine dei muri o sotto le piastrelle.
  3. Dal 1 dicembre al 31 gennaio indosso solo ed esclusivamente mutande a tema natalizio (come quelle di Primark nella foto).Résultat de recherche d'images pour "primark panties christmas" Me le cambio, eh?! Non son sempre le stesse. Ho insomma una collezione di intimo natalizio.
  4. Detesto andare dalla parrucchiera o dall’estetista. Sì, beh, per voi è una novità. Quelli che mi conoscono personalmente lo sospettavano da un bel pezzo.
  5. Mentre guido impreco come un camionista. A ben guardare guido anche come un camionista. Avendo una Panda, è frustrante.

Nomino, se han voglia e tempo, 5 blogger(s), che sono gli ultimi che hanno interagito con me:

FarOValeblog

LavoroEsaurito

Miss Precisetti

Pigropanda

VeraFrasca

Perchè così pochi? Vi lascio indovinare.

Elezioni 2018

MESSAGGIO ELETTORALE

Vista la situazione politica italiana, ho deciso di scendere dal passeggino e di entrare in politica. Firmo quindi con voi un Patto* e prometto su Ca(gnot)to il cane e (Vini)cio il cunicio [coniglio per quelli fuori Regione] di realizzare TUTTI i punti del mio progamma.

* La firma la fa la mamma, ché io non so scrivere.

Programma elettorale:

  1. Difesa: creazione di un reparto militare speciale per trovare Babbo Natale e farsi consegnare tutti i regali; stanziamenti per l’acquisto di soldatini, carri armati, areoplanini, ecc.; creazione delle Olimpiadi del Risiko; lotta alla truffa degli elettrodomestici mascherati da giocattoli (non funzionano, bastardi!); costruzione di bunker sotterranei in cui scienziati governativi creeranno robot giganti capaci di fermare anche un’invasione aliena oppure cuccioli coccolosi automuniti e comandati da un certo Ryder oppure chiameranno Batman e via; riabilitazione dei Comunisti, che mangiano i bambini (!!!), per convincerli a mangiarsi il Rolex; no al terrorismo: caccia senza quartiere al Babau;
  2. Sanità: abolizione delle supposte, del termometro rettale e del sondino [che problemi avete con il sederino dei bambini che ci dovete SEMPRE infilare delle cose??]; no alle punture, anche di zanzara, e sì alla pillola con un poco di zucchero (brevetto Glaxo & Poppins®); stetoscopi riscaldati in tutti gli ambulatori; assunzioni di medici direttamente dalla Scuola Superiore di Medicina e Chirurgia della Dottoressa Peluche; detrazione fiscale del bacino sulla bua;
  3. Ecologia: incentivi per tricicli e biciclette EURODISNEY 7; agevolazioni per le poppate a km 0; produzione di energia pulita al 100% sfruttando l’energia cinetica delle giostrine nei parchi giochi (sfruttamento infantile? Non cedo a queste provocazioni);
  4. Economia: diminuire le tasse per tutti (lo dicono tutti e mi adeguo); fondi illimitati alle Banche del Latte Materno; uscire dalla zona UE ed entrare nella zona TA-TA o LA-LA; condono edilizio per tutti i box costruiti dal 2015 in poi; bonus prima piscina (anche riempita di palline. Bazinga!); eliminazione dell’IMU dalla casa sull’albero;
  5. Innovazione: prese più grandi per infilarci meglio le dita; una luce sempre accesa di notte in tutte le camerette; spray anti-mostro e polvere anti-cattivone venduti in tutti i supermercati; soluzione dell’annoso problema della sabbia nel pannolino; vasini più comodi e autopulenti; fango e pozzanghere in ogni giardino;
  6. Famiglia e politiche sociali: Sì alla politica del figlio UNICO e tasse triplicate per coloro che mettono al mondo un secondogenito che frigna, rompe tutto e ruba i giochi. [Non è una legge ad personam, come potrebbero dire quelli dell’opposizione]; più parcheggi riservati a passeggini e carrozzine; no ai matrimoni forzati tra dinosauri e principesse;
  7. Giustizia: abolizione della ciabatta e dello scappellotto materno e diritto ad un giusto processo; eliminazione delle scuse e delle strette di mano obbligatorie; carcere a vita per Guglielmo, che è manesco e gli puzza il sederino, e per quelli come lui; assoluzione con formula piena in caso di dichiarazione: “Ha cominciato lui!”; inasprimento delle pene per rottura e/o perdita, anche accidentale, del proprio giocattolo preferito;
  8. Costituzione: modifiche progressive alla Costituzione in modo da arrivare ad instaurare un Impero, in cui io sono Imperatore e voi non siete un…pannolino sporco!! Scherzo. Ampliamento del Senato in due seni distinti. Eliminazione della Camera a favore della Cameretta; eleggibilità dei neonati; creazione di Ministeri ad hoc con Ministri senza dentino o senza pannolino.

Mi dicono che dovevo fare meno punti, ma ho poco più di anno, secondo voi, so contare??

Insomma, tu elettore, il 4 marzo 2018 RICORDATI:

Per un’Italia che gattona verso il futuro, il 4 marzo vota Teniotto!!!

ATTENZIONE: Logo e simbolo sono di pura invenzione e nel caso assomigliassero a quello di qualche partito (non si sa mai), è puramente casuale. Io voterò, certo. Voterò Teniotto.

Concorsone

Un anno e mezzo fa eravate 300: This is Sparta. Adesso mi siete raddoppiati. Un po’ come i capelli bianchi. I miei, dico. O davvero quello che scrivo vi piace oppure molti di voi mi han confuso con Chiara Ferragni. Capita: abbiamo gli stessi piedi. E, attualmente la stessa pancia. Insomma: stento a credere che mi lovviate davvero. Non mi avete neanche mai vista dal vivo! Ecco, forse questa potrebbe essere LA spiegazione. Comunque, ho deciso di farvi un regalo. Ve lo meritate.

Ho deciso di regalare ad alcuni di voi (si veda più sotto) una cosa altamente inutile e potenzialmente dannosa. Il mio libricino complimentoso in formato PDF [NON è in vendita. Usate i vostri soldi per qualcosa di utile! Tipo un ventilatore per raffreddare gli spaghetti. Ripeto: NON è in vendita. Sono per la circolazione gratuita delle stupidate. Le mie, almeno. Lo so, è controproducente. Se dicessi che è in edizione limitatissima a 500 euro la copia, avrei anch’io la fila come i negozi della Apple, ma poi dovrei parlare con la gente fingendo di essere competente. Non mi sento pronta.]. Eh, lo so, tocca stamparlo. A dirla tutta io ve lo volevo mandare in cartaceo, aggiungendo anche una maglietta con una frase complimentosa, ma pare che dovrei fare un vero concorso e mi servirebbe un commercialista. E quindi niente. Sono povera.
Per partecipare: basta inviarmi un messaggio privato sulla pagina Facebook con scritto: “VORREI IL LIBRO, per favore” oppure “MANDAMI IL LIBRO, per favore”. Ai primi 10 che mi scriveranno manderò il libro (in formato PDF). Primi 10? Ma chi prendo in giro?? 😉 Facciamo i primi 2 e mi tengo larga.
Unica condizione: vi prego di postare in bacheca la vostra foto con il premio (vedete voi come fare. Sorprendetemi.), per far capire che esistete davvero e non siete personaggi della mia fantasia. Va bene anche una foto in cui non siete riconoscibili. Capisco l’imbarazzo che potreste provare di fronte a parenti e conoscenti. Sono esclusi dal contest i miei parenti e amici. Oh, dai, voi ce l’avete già o non siete così amici. O siete troppo parenti.

I “vincitori” verranno contattati per i dettagli e i loro nomi verranno resi noti sulla pagina Facebook (sempre per il discorso che poi si pensa che siate come gli unicorni.). In seguito invierò il libro in tempi ragionevoli (considerate che mi devo estirpare dal divano, cercare il file giusto, trascrivere un indirizzo e inviare. Non è semplice per niente.).

Qualora non scrivesse nessuno? Avete ragione, è una CONCRETA possibilità. Nel caso me lo regalerò e farò anche una faccia sorpresa.

In bocca al lupo a tutti e che il complimento sia con tutti voi!!