Logica infantile / 2

Un giorno sto scrivendo al pc e la bambina sta colorando. Dal nulla e senza motivo se ne esce con: “Non vedo l’ora di avere una bambina!

Io, divertita: “Miseria! Aspetta un attimo! Prima finisci la scuola, vedi un po’ il Mondo...”

Lei: “No, voglio stare sempre con la Mamma e con X (sorella duenne)!”

Io: “Seee…lo dici adesso, ma quando crescerai vedrai che vorrai essere indipendente.” Poi aggiungo, assumendo un’aria saggia: “Hai un sacco di tempo per decidere cosa fare nella vita. C’è gente che neanche a cinquant’anni l’ha capito!

Lei, dopo averci pensato un po’: “Voglio avere una bambina e fare la cuoca.” [Un punto per la squadra Cracco-Parodi, ma non finisce qui. Spero sempre di poter dire un giorno che conosco una famosa astrofisica o un premio Nobel]

Io: “Certo, puoi fare quello che vuoi.

Lei: “Io voglio una bambina!

Io, con fare martenalistico: “Tesoro, non lo decidi mica tu. Capita quello che capita. [Sì, c’è la fecondazione assistita, ma potevo parlargliene prima che sapesse com’è quella naturale e rovinarle così la sorpresa?] Se fosse un maschio lo butteresti via?

Lei: “No. Lo dò alla mamma! [Immagino la sua gioia incontenibile]” poi ci ripensa “No, al papà perchè è maschio e fanno cose stupide da maschi.” [Tesoro, non so se fingere di bere thé da tazzine invisibili o giocare alla fata con un ramoscello ti faccia sembrare poi così intelligente, sai?]

Io, guardandola allibita: “Pensi che i maschi siano stupidi? [annuisce] Come pensi di fare la bambina senza un maschio? Per partenogenosi?” [Sì, ho proprio detto ‘partenogenosi’. Magari le viene la curiosità e diventa biologa. Le provo tutte.]

Lei: “No, la nonna mi ha spiegato che il papà dà un SEMINO alla mamma, che lo MANGIA e dopo 9 mesi nasce un bambino. Quindi basta quello e poi non serve più!

Sulle prime credo che si tratti della reincarnazione di Pentesilea, la regina delle Amazzoni, anche perchè è la stessa che non voleva le crescesse il seno qualche post fa. Questo spiegherebbe anche la sua riluttazza ad aver qualcosa che tanto si sarebbe comunque tagliata. Poi mi immagino l’uomo-distributore-di-semini (vedi foto)Résultat de recherche d'images pour "sementi". Infine vorrei chiederle se è necessario bere molta acqua e mangiare un po’ di concime ogni tanto per esser sicuri che cresca bene, ma mi fermo perchè in fondo non è lei quella strana. Colgo quindi l’occasione, nonostante mi fossi ripromessa di non dire niente sulla campagna del Fertility Day (che sembra più il giorno del letame e quindi c’entra con il post) per far notare quanto sia diventato URGENTE creare campagne e corsi di sessualità e affettività. Se lasciamo la cosa in mano alle famiglie, i risultati potrebbero essere questi. Non mi stupirei se un giorno questa arrivasse in lacrime, dicendo di aver mangiato un panino ai semi di papavero, datole (con l’inganno!!) dal fidanzatino.

Concludo dicendo che il fatto che una nonna ti dica di mangiare il semino di uno (?!), non si può davvero sentire.

Morale: non accettate caramelle e semini dagli sconosciuti, ché non si è mai troppo prudenti.

Annunci

One thought on “Logica infantile / 2

Lascia un commento o un complimento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...