Fata dei proverbi / 2

Ve la ricordate la Fata dei Proverbi? Ebbene, è tornata con due nuovi proverbi:

  1. E’ costato un braccio della testa. [fusione di “Questa cosa è costata un braccio” e “Questa cosa è costata un occhio della testa”.]
  2. Fai un fiorellino! [invece di “Fai un fioretto / sacrificio!”]

Nel primo ci viene detto che esistono delle teste munite di braccia. Sapevo di teste con le corna, ma forse, se il partner è particolarmente infedele, puo’ essere che diventino braccia che ti schiaffeggiano per farti rinsavire oppure che ti tolgono le fette di prosciutto che hai sugli occhi. Più che fette di prosciutto erano ormai due cotechini con il puré.

Nel secondo invece di dover fare un sacrificio, pare sia sufficiente travestirsi da fiore, coglierne uno oppure coltivarlo. A meno che non si intendesse seguire le orme di Fiorellino, quella del cartone animato .

Una storia appassionante su una ragazzina fastidiosa che poteva entrare in un circo perchè la sua gatta aveva l’intestino più lungo del Mondo. Infatti Lili (la gatta) aveva ingoiato un anello nascosto in un pesce fritto (?!) nella prima puntata e veniva inseguita da tutti nelle seguenti. Nonostante avesse girato mezzo Mondo (facendo concorrenza a Willy Fog – se uno lo traducesse dall’inglese al veneto, sembrerebbe l’imprecazione di un abitante di Boara Pisani (PD) di prima mattina: “Mariaaa! Fog (caivo / nebia) anca sta matina, Willy (casso)!” – che tuttavia non ha mai incrociato) e mangiato la qualunque (che al confronto Obelix era inappetente), alla fine della serie l’anello stava ancora là. Infatti dovrà essere operata per poterlo recuperare.

La febbre del proverbio ha preso un po’ tutti e mi capita quindi di sentire: Marzo per tre giorni ha comprato la pelliccia a sua madre. [la versione completa sarebbe: Marzo ha comprato la pelliccia a sua madre, ma tre giorni dopo l’ha venduta, cioè i primi giorni di marzo sono freddi]. Siccome non l’ho mai sentito, faccio domande idiote: “E chi è la mamma di Marzo?“. Estate che si era intortata qualcuno? Ok, ma con chi se la faceva? Con Autunno che le cantava canzoni tristi con morti, foglie ingiallite e pioggerella insistente oppure con Inverno che si scioglieva (letteralmente) per lei? Oppure si prendeva il sole in spiaggia, non la dava a nessuno e son tutti figli della povera Primavera, sfruttata come utero in affitto? Nessuno lo sa. Scopro quindi che Marzo è figlio di madre ignota. Ok, ma allora che taglia ha preso e che tipo di pelliccia? Perchè l’ha dovuta vendere? Un tracollo finanziario improvviso? La mamma era un’ecologista animalista e non l’ha voluta? Aveva tenuto lo scontrino o l’ha riciclata con la mamma di Aprile? Aprile come l’ha presa? Insomma: chi sa, parli.

Annunci

Lascia un commento o un complimento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...