Il (mal)costume

Carissimi seguaci,

come promesso in precedenza, in occasione del duecentesimo affiliato, posto una fotografia (in taglia reale) della Donna Copertina, ossia della mise sobria con cui vado in giro per casa in queste gelide giornate invernali. Vi fa pena la Costante I, adesso, vero? Lo capisco. D’altra parte, fa freddo.

donna_copertinaIl costume della Donna Copertina si compone di:
Tutina aderente e imbarazzante (qui in versione invernale), con pompon bianchi totalmente inutili (ma molto fashion e che ricordano la forma sferica e pelosetta del personaggio), e con calzino anti-scivolo integrato (la sicurezza prima di tutto). La pancetta e il cosciotto fanno parte del personaggio. Sappiatelo.
Mascherina, come tutti i supereroi. Tuttavia, quando la Donna Copertina la mette non è tanto per nascondere la sua identità quanto per dormire proprio. Più di lei dormono solo Marmotta Girl, Paperino e Homer Simpson. A suo tempo si era organizzata una gara per determinare chi dormisse più a lungo, ma nessuno di loro volle alzarsi dal divano, dall’amaca o dal letto e non se ne fece nulla. Anche perchè chi avrebbe avuto la forza di ritirare anche il premio?
Mantello a forma di copertina con renne e fiocchi di neve originali, per darsi un tono nella Lega dei Supereroi e per tenersi al caldo quando si aspetta sui tetti che succeda qualcosa. E per schiacciare un pisolino, che ci sta sempre bene.
Aiutante (la parola ‘assistente’ mi è un filino antipatica) e migliore amico: Sancho Jengi, detto anche El Hombre de Jengibre (l’Omino Focaccina). Non teme il latte e preferisce la grappa. E si inzuppa da solo. ‘Sto alcolizzato. Il lato positivo è che non rivela l’identità segreta della Donna Copertina perché per la maggior parte del tempo è svenuto e non se li ricorda…
Bon, detto questo, ho ottenuto tre effetti. Primo: vi ho tolto l’appetito per giorni e funziono meglio della Weight Watchers. Secondo: vi ho tolto il sonno per giorni perchè son più spaventosa della bambina di The ring, che è comunque più elegante di me in camicia da notte e che dimostra più sex appeal con un occhio strabico, i capelli unti e, dato da non trascurare, morta. Terzo: ho mantenuto la mia promessa di farvi vedere come sto con il tutone con le renne. Cioè male. Quarto: ho messo una pietra sopra sulla mia promettente carriera di fashion blogger cominciata (lo ricorderete) con il pigiama con gli orsetti. Quinto: vi ho ricordato la vostra infanzia o quella dei vostri genitori, con uno sfondo psichedelico che manco al Cocorico’ dei tempi d’oro. Nella prossima puntata: il Pastone Mascherato.

[Continua…]

Annunci

One thought on “Il (mal)costume

Lascia un commento o un complimento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...