UK / 3

La macchina infernale

Io e mia sorella decidiamo di prendere una macchina a noleggio. Prenotiamo via internet su un sito di auto a noleggio un’utilitaria. Perchè specifico che non era il sito della Lush? Perchè uno poteva essere malevolo e prevenuto. E poi ad un certo punto il dubbio è venuto pure a noi. Arriviamo nell’ufficio e la nostra macchina non c’è. Ah, ok. E quando arriva? Non si sa. Come non si sa?? Non è che ti ho chiesto di calcolare il valore esatto di pi-greco, di stabilire se c’è vita su una delle Lune di Giove, di dirmi quando ci sarà la prossima giornata di sole o di fare dei cerchi concentrici a spirale!

Piccola parentesi: in precedenza ho scritto appunto “facendo dei cerchi concentrici a spirale” e, ovviamente, mi ha scritto Stephen Hawking per dirmi che è una cosa fisicamente impossibile. Subito dopo mi ha telefonato Sheldon Cooper per chiedermi se il dottorato che ho è vero e se si’, dove l’ho conseguito. Gli ho detto che era in Lettere. Ride ancora.

Comunque, l’impiegato (tatuato e con appuntate alla cravatta un numero impressionante di spillette improbabili) ci dice che dobbiamo aspettare che qualcuno gli riporti una delle macchine. Aggiunge che è normale. Ah, beh, certo. Io ero qua per ammirare il piazzale in brecciolino (bello! importato?) e mia sorella voleva comprare la questa moquette verde marcio…ah, è gialla? Vabbé, ma con dei mobili rossi dice che sia pacchiana? No, dai, seriamente: ma secondo lei abbiamo ore da perdere?? Alla fine una macchina arriva. Si tratta di una 500L bianca (vedi foto da catalogo). Noi, a dir la verità, avevamo chiesto una 500 normale e invece ci troviamo con un clone ciccione della Mini Cooper. Polemiche a parte, come macchina non è male. Per essere una Fiat. E lo dice una che  guida un pandino. Quindi di macchine ci capisco come ci capisco di ofiologia. Cioè conosco due specie di serpenti: quello che striscia e quello che striscia facendo rumore. Quella con le zampe è una lucertola e Harry Potter era un rettilofono. Di più non so. Ora, il problema principale della macchina con volante a destra (vedi foto) è il seguente:Fiat Punto India ha il volante a destra. E il cambio a sinistra. Ovvi segni questi della degenerazione del Mondo e dell’arrivo dell’Apocalisse. Scambiare la prima con la terza e viceversa è un attimo. Poi c’è anche da dire che quando siamo salite non riuscivamo (in due) a togliere il freno a mano. Sempre meglio di quella che, in un’altra occasione era rientrata dicendo: “Non arrivo ai pedali!“. Io mi sarei sotterrata, avrei rubato una bici al volo o sarei andata via come Mr. Bean, che tanto là sono abituati, no?

Seguono ulteriori livelli di difficoltà:

  1. Strade buie, con alberi a pochi centimetri dal bordo. I lampioni? Eh, vabbé!! E cosa si montano a fare i fari, allora?? Per fare i rave party??
  2. I tergicristalli sono camuffati. Tu pensi di azionarli, invece stai pulendo il vetro. Quando davanti ti aspetti di vedere due signorine in bikini, è il momento di fermarsi.
  3. I tergicristalli partono da soli. Prima c’era il diluvio? Non partono. Poi ci sono due gocce? Partono da soli. Va bene i sensori. Ma tarateli meglio, porca paletta!!
  4. Ambulanze in ogni dove, che sfrecciano da ogni parte e tu non sai dove metterti.
  5. Non sai dove metterti e speri che non arrivi nessuno (e invece ambulanze e polizia come se piovesse…) e che non succeda nulla all’auto perchè la corsia d’emergenza non esiste. Fermarsi in 30cm non è fattibile. Che si arrendano.
  6. Il navigatore per iPhone di mia sorella. In realtà un vero e proprio handicap. Strade inesistenti, distanze prese a occhio, paesi sconosciuti e tante altre sorprese. Alla fine uno si rassegna e va a caso oppure segue i cartelli. Eh, lo so, puo’ sembrare estremo, ma a volte uno deve fare delle scelte radicali.

Detto questo la cosa che mi ricordero’ di questa esperienza è una frase di mia sorella mentre sta parcheggiando: “Ma i sensori di parcheggio non ci sono anche davanti?“. No, Tesoro, gira la chiave senza fare movimenti bruschi. No, Tesoro, allontanati dal volante e non girarti indietro. No, Tesoro, non ci sono. Primo perchè non stai guidando un tir, ma una 500 e poi perchè si suppone che uno ci veda davanti e che, soprattutto, non abbia trovato la patente nell’Ovetto Kinder…

Annunci

Lascia un commento o un complimento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...