Studenti e Casi Umani / 6

Cari amici, care amiche e tutti gli altri, eccoci arrivati alla fine della carrellata di Casi Umani versione junior. Per alcuni sarà un sollievo. Dal prossimo post cambio argomento. Promesso. Certo, manca la versione senior, che ho già promesso di scrivere, quindi vi tediero’ ancora con queste cose, rassegnatevi.

  1. Il pavone. Quello che viene a scuola e controlla che tutti lo guardino, che attira l’attenzione, che non vuole per nulla al Mondo spostarsi dal suo cono di luce, per nessun motivo. Non fa la ruota solo perchè non ha la coda. Ma forse si sta attrezzando.
  2. Il morto di F. Quello che ci prova con qualunque cosa sia viva, agonizzante oppure inanimata. Quello che poi si stupisce che le ragazze alla sua vista rasentino i muri. Quello che tutte evitano come morte, colera e testimoni di Geova tutti insieme, facendo il giro dell’isolato o lanciandosi dalla tromba delle scale per non incrociarlo. Quello che poi si chiede stupito perchè sia solo. Domandati.
  3. L’esibizionista. Quello con il cavallo dei pantaloni giro ginocchia, con i boxer a vista. Quello che sai quante volte si cambia le mutande in una settimana. E che poi eviti perchè la risposta è una volta a settimana. E forse le gira pure. Il che mi ricorda quello studente con i boxer con scritto sull’elastico: “Follow me!”. Che è inquietante, ammettiamolo.
  4. Il biografo. Quello che chiede tutto della vita dei Professori. Quello che si infastidisce se non gli rispondi. Quello di cui hai anche un po’ paura perchè ti domandi se un giorno non te lo troverai sotto casa. Con due amici di quelli brutti, sporchi e cattivi (e cito).
  5. Il solitario. Quello che sta sempre da solo. Come i diamanti.
  6. Il colico. Quello che ha le coliche e deve scappare in bagno ogni tot minuti con regolarità. Ci si potrebbero sincronizzare gli orologi. Poi torna in classe e tergiversa prima di sederti, per poi informarti, finemente, che: “Prof, spetti un attimo. Mi brucia il c*lo. Già non sto bene, poi ‘sta carta igienica è come la carta vetrata!“. Perché non vogliono MAI mantenere un po’ di mistero? Che poi son dei lord inglesi, avete notato?
  7. L’apatico. Quello che ha la stessa reazione in qualunque situazione. Puoi dirgli che ha preso un brutto voto, che gli sta camminando sul braccio una tarantola, che la scuola va a fuoco, che fuori c’è Eva Longoria che lo aspetta per un viaggio esotico, la reazione sarà sempre la stessa. Almeno avrà un futuro come mimo al centro commerciale o troverà lavoro come meme di nuova generazione. Con la penuria di lavoro che c’è, buttalo via…

 

Annunci

Lascia un commento o un complimento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...