Acqua/3

Dopo cena mia sorella deve incontrare una sua amica. Ci troviamo in un punto X e andiamo a farci un giro. L’amica propone di andare in una gelateria. Io penso che mia sorella declinerà gentilmente l’invito. No, dice che è una buona idea. Segue dialogo interno drammatico da film d’azione di zerie B: ‘Ok, Jane, è una trappola! Non caschiamoci! Una volta guadagnata la sua fiducia potremo fare quello che vogliamo. Resisti, Jane! Resisti! Giuro davanti a Dio, e Dio m’è testimone, che i nordisti non mi batteranno. Supererò questo momento, e quando sarà passato non soffrirò mai più la fame: né io né la mia famiglia. Dovessi mentire, truffare, rubare, uccidere, lo giuro davanti a Dio: non soffrirò mai più la fame!‘. Aspetta… Dove l’ho già sentita, questa? Arrivati alla gelateria penso che ordinerà un’acqua tonica o un’acqua con il limone o un’acqua e menta o un’acqua e sale o una cosa cosi’. Prende invece un’enorme coppa di gelato con tanto di panna e sciroppi vari. Mi sento presa per il cucchiaio. La informo del mio stato d’animo. Mi dice, serafica: ‘Ce lo siamo meritato, con gli sforzi che abbiamo fatto oggi, no?’ Si’, in linea di principio si’. Non fosse per il piccolo particolare che io sono intollerante al lattosio e se mangio il gelato avro’ delle coliche per almeno due giorni. Mi sento doppiamente presa per il cuculo. Bevo il mio caffé shakerato senza zucchero perchè la faina ha ordinato DOPO di me e penso a come soffocarla nel sonno senza che incolpino me. Penso anche a buttarla nella centrale idroelettrica sottostante, ma non vorrei privare i pescatori croati della loro fonte di sostentamento.

Il giorno dopo mi metto a bordo piscina a leggere, ogni tanto faccio un bagno e prendo il sole sotto l’ombrellone, con la mia fedele bottiglia da due litri d’acqua. Nel mentre mia sorella passa il tempo a farsi massaggiare, stirare, allungare, inamidare e passare con la cera.  Letteralmente. Ha fatto un massaggio con una candela profumata. Faccio anch’io un massaggio con musica new age. Ora, saro’ l’unica, ma la musica new age mi innervosisce come poche cose al Mondo. Glielo dico e mette un CD con i rumori della natura. A ME???? LA NATURA A ME???? Il rumore dell’acqua poi, vista la quantità di acqua ingurgitata, mi sembra davvero una bella idea. Alla fine mi dice che sono un po’ tesa. Un po’ tesa?? UN PO’ TESA??? Lasciamo stare. Torno in piscina e aspetto mia sorella. Lei arriva bella rilassata, con la sua tisana rilassante, verso le 18, in tempo per recuperare i bagagli, pagare e andarcene. Mentre guido (io, lei è troppo rilassata) verso casa, mi informa di quanto si è rilassata. Ok, bene. Di quanto si senta leggera e depurata. Bene, ok. Di quanto questa vacanza le ci volesse proprio, di come abbia evacuato lo stress, ecc. Poi mi chiede se mi sono divertita. Mi sento nuovamente presa per il curlo. La informo che mi ha fatto patire la fame. Dice che sono ossessionata dal cibo. Sarà, ma devo ancora trovare qualcuno che riesca a vivere di aria e acqua fresca. Che poi detto da una che appena uno gira l’occhio si strafoga di gelato, suona un po’ ipocrita.

Annunci

One thought on “Acqua/3

  1. Puoi far meglio! Impegnati cazzo, oppure il caldo ti ha dato di volta al cervello? 🙂
    Bacioni da un futuro croisroussiano

Lascia un commento o un complimento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...