Paris: tipi che mi fissano

Premesso che non sono appariscente, c’è una cosa che mi contraddistingue: sono candida. Ma proprio bianca bianca. Ergo, tutti quelli a cui piace il genere tisica con un piede nella fossa mi trovano attraente. Non son molti, ma ce ne sono. Ho il mio pubblico. Il maggior successo, anche per il capello scuro, gli occhi scuri, i fianchi larghi e la statura non pervenuta, ce l’avevo con gli stranieri. E fin qua, tutto bene. 
Aneddoto.
Sto camminando nei corridoi della metro e mi devo allacciare una scarpa. Mi metto in un angolo, mi accuccio e vedo uno che avevo visto nella metro, che mi guarda. Cambio metro e me lo ritrovo là. Ok, sono un po’ stupita, non preoccupata. Mi dico che è un caso e mi metto a leggere. Quando devo scendere, lo vedo dietro di me, sullo specchio. Ok, ora sono preoccupata. Mi sta seguendo. Scendo e mi incammino  molto velocemente. Quando entro nel palazzo sono contenta di vedere il tipo della sicurezza. Salgo, appoggio le mie cose e vado a prendermi un caffé. Alle macchinette vedo il tipo di prima, che chiacchiera con una. Devo fare qualcosa per la mia paranoia. Lavoriamo nello stesso posto. 
Aneddoto.
Sono sulla metro e vedo uno che mi guarda. Mi sorride. Io abbasso lo sguardo e non ricambio. Ma chi ti conosce? Mi alzo per scendere e vedo che scende anche lui. Mi si affianca mentre cammino verso la scala mobile. Lo guardo e mi sorride. Ancora? Uff! Prendo le scale. Nessuno prende le scale normali a Parigi. Si tratta di una questione di stile. Di solito salgono camminando sulla scala mobile e, se hanno occasione, sbuffano rumorosamente dietro la vecchina con il trolley della spesa o la turista con la valigia, che, per ovvi motivi, sta ferma sulla destra. Si, pero’, anche loro, che idea è quella di star fermi sulla scala mobile? Penso che si arrampicherebbero anche sulla fune d’acciaio dell’ascensore, se fosse possibile. Bon ton parigino? Non pervenuto. Hanno fretta. La gentilezza fa perder tempo, dai, su! Si sa. Comunque questo mi segue e mi si affianca di nuovo. Lo guardo. Mi sorride. E allora?? Basta, no!? Quando sto per prendere coraggio e chiedergli che cosa voglia e che cosa abbia tanto da sorridere, mi accorgo, con la coda dell’occhio che ha saltato un gradino e che è inciampato. Spatasciato al suolo. Lo guardo. Mi guarda sorpreso. Gli sorrido.  Per pura cattiveria. E sono tentata di dirgli: ‘Guarda dove cammini, invece di sorridere a caso, idiota!’, ma mi trattengo. Non vorrei infierire. Poraccio… Quando meno te l’aspetti, ti si spostano i gradini a tradimento. Un classico. Succede lo stesso con le pozzanghere, ma la cosa peggiore è quando ti si spostano le mer*e di cane. Che poi non è vero che portano bene. Quella è una cosa che ci siamo inventati per consolarci. Che poi infondo ha un senso: ho già pestato una cosa che puzza da morire, me la portero’ in giro per tutto il giorno tentando inutilmente di togliermela, tutti mi diranno: ‘Ma non senti questa puzza terribile?’ ed io neghero’, una volta a casa tentero’ di lavarla via senza esito e dovro’ buttare via il mio paio di scarpe preferito perchè non ho pestato una cacca qualsiasi, ma quella di un alano tirato su a OGM e quindi con sostanze geneticamente modificate, tra le quali una che permette la visione dei geni anche ad occhio nudo tramite pigmenti indelebili.  E infatti vedo tutti i geni sulle mie scarpe preferite. Certo, potevano scegliere anche un altro colore, invece del marrone, ma se sei uno scienziato che lavora in un laboratorio, di moda non è che ci devi per forza capire poi tanto. Non è necessario. Ora, che altro DIAMINE mi deve succedere, porca miseria?!
Annunci

Lascia un commento o un complimento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...